Terzo ciclo – Al cuore della teologia

News aa 2019/2020 Percorso di teologia – dottorato di ricerca. Un vero e proprio laboratorio di riflessione teologica: il terzo ciclo è l’apice della formazione accademica e corona gli studi insegnando a “fare teologia”. Il percorso prevede un triennio di ricerca personale, che si arricchisce con occasioni di confronto e dialogo fra studenti e con i docenti.

Il percorso degli studi teologici trova compimento nel ciclo di Dottorato (terzo ciclo), della durata non inferiore a un triennio, al termine del quale viene conferito il titolo di dottore in Sacra Teologia (scarica il depliant informativo).

Quest’ultimo gradino della formazione accademica ha lo scopo di perfezionare la preparazione scientifica dello studente, la sua capacità di ricerca, riflessione ed esposizione in ambito teologico; soprattutto si propone di promuovere l’attitudine a fornire un proprio contributo originale allo sviluppo del sapere teologico mediante l’elaborazione della tesi dottorale.

Il lavoro è in prevalenza di carattere personale e premette di approfondire un determinato ambito del sapere teologico.
Uno sguardo alle tesi discusse di recente dà un’idea dei percorsi di riflessione che si possono sviluppare. Spiccano temi di attualità quali la posizione della chiesa di fronte alle nuove unioni (dissertazione di Matteo Ometto “Divorziati che vivono una nuova unione nella chiesa cattolica. Da Familiaris consortio ad Amoris laetitia”), il pastoral counseling (Barbara Marchica “Identità e finalità del pastoral counseling. La dinamica della coscienza tra interiorità e conoscenza di sé sullo sfondo dell’antropologia teologica di Bernard Lonergan”), il dialogo fra scienze e teologia (Manuela Riondato “Come parlare di un mondo non-necessario? L’idea di contingenza tra teorie scientifiche, filosofia e teologia”).
Accanto a questi, ci sono argomenti più “tradizionali” di approfondimento del pensiero teologico (Giuseppe Pelizza “Vera e falsa riforma nella chiesa nel pensiero di Yves Congar”; Leopoldo Sandonà “Dialogica. Per un pensare teologico tra sintassi trinitaria e questione del pratico”; Alessio Magoga “Ruperto di Deutz (ca. 1075-1129). Dialogus christiani et iudaei. De sacramentis fidei quem anulum placuit nuncupari. L’Anello. Dialogo di un cristiano e di un giudeo sui misteri della fede. Edizione critica, traduzione, commento”).

Sono attualmente una trentina gli studenti iscritti al terzo ciclo, con percorsi di ricerca differenti. «Tutti i lavori ricevono impulso e stimolo, in particolare, nei seminari dottorali – spiega il preside della Facoltà e coordinatore del ciclo di dottorato, mons. Roberto Tommasi –. Si tratta di tre momenti d’incontro all’anno, in cui i dottorandi sono invitati a esporre i loro progetti di tesi ai compagni, ai rispettivi relatori e ai docenti stabili della Facoltà; sono occasioni di confronto in cui ciascuno ha la possibilità di presentare l’avanzamento del proprio lavoro e di farlo ulteriormente crescere in qualità grazie alle osservazioni degli altri studenti e dei docenti».

Paola Zampieri

Le iscrizioni alla Facoltà teologica del Triveneto
sono aperte fino alla fine di settembre 2019
(tranne il periodo di chiusura della segreteria, dal 22 luglio al 26 agosto).

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail