Complessità tra riduzionismo e antiriduzionismo

Padova 10, 17, 24 e 31 marzo, 7 aprile 2022. Scienza, sociologia, etica e teologia: quattro ambiti in cui declinare il tema della complessità, che è al centro della decima edizione del corso interdisciplinare di formazione rivolto, in particolare, ai docenti delle scuole del Veneto, e aperto anche a tutti coloro che sono interessati alle tematiche trattate.

La Facoltà teologica del Triveneto, in collaborazione con l’Università di Padova e la Fondazione Lanza, promuove la decima edizione del corso annuale interdisciplinare di formazione rivolto, in particolare, ai docenti delle scuole del Veneto e aperto anche a coloro che sono interessati alle tematiche trattate. L’iniziativa – coordinata da Piero Benvenuti (Università di Padova), Simone Morandini (Facoltà teologica) e Giulio Peruzzi (Università di Padova) – ha convolto finora 720 partecipanti (oltre il 90 per cento gli insegnanti) proponendo argomenti quali la cosmologia, l’evoluzione biologica, le neuroscienze, la rete internet, l’ecologia, i risultati raggiunti negli ultimi anni dalle scienze fisiche, la probabilità. A questi si aggiungerà la complessità – declinata nell’ambito della scienza, della filosofia, delle scienze sociali e della teologia – che sarà messa a tema nella nuova edizione del corso, dal titolo Complessità. Tra riduzionismo e antiriduzionismo, a partire dal 10 marzo 2022 (le date successive: 17, 24 e 31 marzo, 7 aprile, dalle 15.30 alle 18 in Facoltà, via del Seminario 7 a Padova).

«La parola complessità – spiegano gli organizzatori – è entrata ormai a far parte del linguaggio corrente: utilizzata oggi da una varietà di discipline, essa esprime in generale il rifiuto di approcci parziali e riduzionisti, orientando invece a stili di pensiero duttili, articolati. Gli stessi approcci interdisciplinari e transdisciplinari, spesso applicati nell’odierna didattica, la richiamano e invitano a praticarla. Spesso, però, si ha l’impressione che il suo uso da parte di soggetti e discipline differenti comporti significati solo in parte sovrapponibili, con il rischio di ambiguità ed equivoci. Come superare tale impasse, ritrovando tutte le potenzialità di un’espressione davvero necessaria per un sapere non ingenuo, capace di tenere assieme specificità disciplinari e istanze trasversali di integrazione e confronto?».

Il corso interdisciplinare 2022 «intende esplorare – proseguono – tale spazio concettuale, a partire da un approfondimento dell’idea di complessità, quale è venuta imponendosi in alcuni fondamentali ambiti di riferimento – dalla scienza della natura alla sociologia, dall’epistemologia alla teologia. Tale attraversamento aprirà quindi nel panel finale a un dialogo tra le varie prospettive, per cogliere intrecci e consonanze tra di esse, ma anche evidenziare i potenziali elementi di tensione e dissonanza».

Il primo appuntamento in programma, giovedì 10 marzo, esplorerà La nozione di complessità nella scienza della natura, con l’intervento di Amos Maritan (Università di Padova), discussant Giulio Peruzzi (Università di Padova). Giovedì 17 marzo si affronterà La nozione di complessità in sociologia, che sarà trattata da Vincenzo Pace (Università di Padova), discussant Giorgio Osti (Università di Padova). Il terzo incontro, giovedì 24 marzo, verterà su La nozione di complessità in etica, che sarà trattata da Antonio Da Re (Università di Padova), discussant Leopoldo Sandonà (Facoltà teologica del Triveneto). Giovedì 31 marzo il tema La nozione di complessità nel discorso religioso sarà affidato a Simone Morandini (Fondazione Lanza e Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino), discussant Massimo Raveri (Università Ca’ Foscari di Venezia). Giovedì 7 aprile si concluderà il ciclo con un panel, dal titolo Complessità a confronto, in cui Roberto Battiston (Università di Trento) dialogherà con tutti i relatori.

Tutti gli incontri si svolgeranno nell’aula tesi della Facoltà teologica del Triveneto (via del Seminario, 7 – Padova) [compatibilmente con la situazione sanitaria del momento], dalle ore 15.30 alle 18.
Per l’accesso in Facoltà saranno seguite le normative in vigore al momento dell’inizio del corso.

La partecipazione al ciclo è gratuita.

È obbligatoria l’iscrizione entro martedì 1 marzo 2022:
– per i docenti di ruolo va fatta attraverso la piattaforma SOFIA scegliendo il corso nel catalogo online della Facoltà teologica del Triveneto in quanto soggetto accreditato ai sensi della direttiva 170/2016.
– per i docenti non di ruolo e persone interessate al percorso, attraverso il modulo a questo link.
Alla conclusione, verrà rilasciato un attestato di frequenza.

 

PROGRAMMA
Complessità. Tra riduzionismo e antiriduzionismo

1. Giovedì 10 marzo 2022
La nozione di complessità nella scienza della natura
Amos Maritan (Università di Padova)
discussant Giulio Peruzzi (Università di Padova)

2. Giovedì 17 marzo 2022
La nozione di complessità in sociologia
Vincenzo Pace (Università di Padova)
discussant Giorgio Osti (Università di Padova)

3. Giovedì 24 marzo 2022
La nozione di complessità in etica
Antonio Da Re (Università di Padova)
discussant Leopoldo Sandonà (Facoltà teologica del Triveneto)

4. Giovedì 31 marzo 2022
La nozione di complessità nel discorso religioso
Simone Morandini (Fondazione Lanza e Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino)
discussant Massimo Raveri (Università Ca’ Foscari di Venezia)

5. Giovedì 7 aprile 2022
Complessità a confronto
Panel conclusivo: Roberto Battiston (Università di Trento) dialoga con i relatori Amos Maritan, Vincenzo Pace, Antonio Da Re, Simone Morandini.

 

Foto da Pixabay.

Facebooktwitterlinkedinmail